Domani sarà domani

Una strana sensazione che ricorre spesso la sera prima di coricarmi.

Quella di recitare “domani è un altro giorno”.

La sensazione fastidiosa di un proposito e di un progetto bellissimo mai realizzato.

Per quanto tempo ancora rimandare “domani sarà domani”.

Mi sento vigliacco a cedere alla stanchezza e al sonno e pur coricarmi.

Domani sarà il rimpianto di non aver lottato e scalciato con tutte le mie forze.

Precedente Note a margine al “L’Acrobata” Successivo Quei pugni erano graditi al cielo