Il monopolio delle idee

La libertà è un futuro insieme dove dare valore economico alla domanda e puro valore di consumo all’offerta. Una idea personale.

Se a detenere il Capitale di quanto si consuma sia lo Stato, nell’eccezione marxista, ovvero ogni cittadino nell’eccezione liberale, in entrambi i casi il Capitale ha vita propria giuridica di domandare e conseguentemente chiedere consumo dell’umano agire.

Sono entrambe forme di Capitalismo.

Libertà non è consumare liberamente, ma poter offrire senza condizionamenti progettualità ai propri bisogni.

Una comunità che assegna valore economico alle proprie azioni, prima ancora che alle proprie idee, mai potrà essere una collettività di uomini liberi.

2 thoughts on “Il monopolio delle idee

  1. Giovanni il said:

    Sino a quando lo stato sarà il primo fornitore di “beni e servizi”
    (dipendenze emotive), la libertà, almeno in questo particolare momento storico
    della nostra nazione, rimarrà una flebile e pallida utopia!!

    • italiota il said:

      Giovanni, non è propriamente il concetto espresso, probabilmente non è ho saputo comunicare. In democrazia lo Stato, già di suo, dovrebbe, almeno teoricamente rappresentare il bisogno della maggioranza. La questione che fa da pilastro, è la giurisdizione del denaro, ma dovrò dovutamente approfondirne il concetto espresso in successivi miei articoli. Ti ringrazio.