Luce e buio

Dubito sia possibile concepire e darne quindi definizione, principio o assioma al buio in un mondo di sola luce e dubito in maniera speculare che possa l’uomo definire un principio o un assioma, un concetto di luce, non avendone, prima o durante, vissuto un’esperienza del buio.

L’esperienza, cioè, quell’essere spettatori dell’evento presuppone ulteriormente che l’evento avvenga in un lasso di tempo di durata inferiore rispetto alla durata dello sperimentare nostro e/o di chi di quell’esperienza possa comunicarci la memoria storica.

Dubitare e chiedere e concepire l’inedito, presuppone, ma è una mia personale deduzione, anche un concetto storico della memoria, al di là di volerne sviluppare un sistema deduttivo basato su dei principi, ovvero un sistema assiomatico e razionale, che in ogni caso necessita di definizioni e premesse.

Ma è pure sufficiente racchiudere una porzione di mondo, per aver sperimentato e quindi dato definizione del buio ivi racchiuso e viceversa.

Non potrà mai uno spettatore, nel suo limitare del tempo e all’interno, ovvero, sempre non eterno e costretto all’esterno delle mura di quella stanza buia o illuminata che sia artificialmente, pur solo concepire quel mondo di luce, ovvero quel buio e cielo stellato che lo attende fuori.

Il ragionamento è vasto e le sue infinite deduzioni intervengono in ogni campo del pensiero e dell’agire umano e non possono certo essere sviluppate, neanche solo superficialmente, in un blog.

Un’idea inedita è quella di cercare di quella porta e avere il dubbio di volerne oltrepassare la soglia.

Per “alleggerire” l’articolo e spero farvi sorridere, aggiungo in maniera colorita: si immagini di essere all’interno della stanza e di cercarne la porta esterna, anziché quella del cesso.

Solo per alleggerire l’articolo e forse no.

Chi abbia poi di fatto chiesto e pensato prima e costruito poi la lampadina o il cesso ……….. altra questione “ampia” sulla quale riflettere e non me ne voglia il lettore, se chiedo cortesia di non trarne superficialmente le proprie rimostranze.

I commenti sono chiusi.